Post

Il Rosatellum non lo so, ma il vino rosato a me piace da morire

Immagine
Come funziona il Rosatellum?
Beh...domanda di riserva?


Mentre su tutti i principali mass media imperversa il dibattito sul Rosatellum, io mi sto letteralmente ubriacando di vino Rosato. Perché? Perché è buono. Buono e basta.
Il vino Rosato o Rosé questo sconosciuto. E anche questo bistrattato. Beh sì, alzi la mano chi non ha sentito commenti disdicevoli nei confronti del rosato.

Mi ricollego al  precedente post in cui si parlava di pregiudizi per parlare di quello che forse è il più grande dei pregiudizi quando si parla di vino.
Pregiudizio tutto italiano oserei dire. Si può riassumere così:


Il vino rosato non è né carne né pesce, non ha senso, non mi dice niente.



Ecco.
Quanto di vecchio, di conservatore e di "chiuso" c'è in questa frase.


Il rosato è un gran vino e non è vero che non è né carne né pesce, ma anzi spesso è più eclettico e lo abbiniamo bene sia su carne che su pesce.


Eppure basterebbe soffermarsi un po' su come viene prodotto il rosato. Forse qualcuno pen…

A me, il Chianti non mi piace

Immagine
A me ummipiace, un mi piace via.
Oh Babbo, un c'è nulla da fa, t'ho detto che un mi piace.


Quante volte mi son trovato a dire che una cosa non mi piaceva, così in modo superficiale, per impressioni irrazionali non dettate da una vera conoscenza. Capita un po' in tutti gli aspetti della vita. Ci creiamo pregiudizi inesistenti, e poi bisogna lavorare molto su se stessi per scardinarli. Mi è capitato spesso con la musica, con i viaggi. Mi è capitato anche col vino.
Per anni, non ho bevuto vini campani, specie i bianchi, perché puzzavano di piedi. Questo perché avendo bevuto un Greco di Tufo, avevo ravvisato una "puzzetta" che mi aveva infastidito. La cosa era poi stata confermata bevendo un rosso campano non meglio precisato (credo fosse Aglianico), in un locale di Milano a capodanno 2007, che aveva un sapore disgustoso di tappo. Insomma per anni i vini campani li ho visti con accezione negativa.


Un pregiudizio a mio avviso ben radicato riguarda il "Chianti"…

Viaggi e Abbinamento cibo - birra: Stufato di Renna e Norwegian Wood a Lappeenranta

Immagine
Lappeenranta: c'erano due possibilità per vivere la Finlandia. La prima era farsi una sauna e poi tuffarsi nelle acque di un lago ghiacciato. La seconda era mangiarsi uno stufato di renna.
Ho scelto la seconda. D'altronde era estate e non c'erano laghi ghiacciati.


Una mia cara amica mi ha detto che mi piace mangiare solo le cose simili a quelle della mia terra d'origine. Ho sempre pensato di essere un tipo abbastanza aperto alle novità, ma in realtà certe cose non riesco proprio e mangiarle. Ci sto pensando da due mesi, comincio a pensare che probabilmente ha ragione lei. Vediamo se penso a qualcosa di diverso che ho mangiato.

Nel 2010 mi è capitato di viaggiare in Finlandia col mio fido compagno dei viaggi scandinavi (al secolo, Il DeMichelis) Sicuramente molti di voi penseranno che noi andavamo in Scandinavia ogni anno per andare a trovare ragazze bionde con fisico scultoreo. Maddaaaiii ma come può venire in mente una cosa del genere?

Ovviamente a tutti sono note le b…

I falsi miti 3. I vini costano troppo, dovrebbero costare 3-4 euro a bottiglia

Immagine
Ognuno nella propria vita è libero di suicidarsi come meglio crede.
Può attaccarsi al tubo del gas della cucina quando gli hanno interrotto la fornitura di metano, può appendersi con un cappio al collo ad una cornucopia appesa nel soggiorno con un cappio troppo lungo, può lanciarsi nel vuoto bendato cogliendo l'unico palo nel raggio di un chilometro quadro, può mangiarsi 3 kg di cozze crude da Gennaro O' Vibrione, oppure può sfondarsi di cibo come Banfi in spaghetti a Mezzanotte.

Oppure può scegliere di andare al supermercato e farsi una scorta di vino a meno di 5 euro alla bottiglia, magari in promozione a 2,99 euro. Cosa ci sarà in quella bottiglia non lo so. Ragioniamo a ritroso per capire cosa stiamo comprando. Togliamoci il prezzo della bottiglia, dell'etichetta e dell'imballo, l'Iva, il ricarico del negoziante e quello del rappresentante, e i normali costi di produzione del produttore. Questo se la filiera è corta. Alla fine il valore di quanto è lì dentro h…

i falsi miti 2: avere due bicchieri a tavola è un VEZZO

Immagine
I bicchieri: cinque calici sfasati sulla sinistra, cinque calici sfasati sulla destra.
Da quale parte bere?


Eh no signori miei, non è un vezzo per nulla, ma proprio per nulla.
Io vorrei sapere perché quando faccio notare che c'è un solo bicchiere anziché uno per l'acqua e uno per il vino, la gente  strabuzza gli occhi, come tu fossi un rompi..... di prima categoria. Premetto che in genere ciò avviene in casa mia, perché fuori casa, mi perito a far aggiungere il secondo bicchiere.
Certo, a tavola puoi sfoggiare il Rolex, o il brillocco di 2 carati ereditati dalla tua zia ricca, o la tua nuova Louis Vitton sotto la tua pelliccia di Visone reale, però, cazzo, il bicchiere per il vino no, è troppo! Troppo, troppo troppo lusso.

Poi c'è da lavarlo. Eccheccazzo, c'è da lavarlo! Ora, sicuramente in casa mia non si bevono vini costosissimi, però comunque tendenzialmente la viscosità di questi vini che si bevono non è come quella del catrame fuso o della torba, quindi a regola …

I falsi miti: mescolare vino bianco e vino rosso fa male

Immagine
Mi raccomando non mescolare il vino bianco col vino rosso! Fa male!
Ma chi l'ha detta questa cosa?

A chi può far male?
Perché dovrebbe far male bere del vino bianco e del vino rosso nello stesso pasto?

Forse farà male bere un vino di pessima qualità, non certo "mescolare" due vini di colore diverso. Non vedo perché dovrebbe far male, o dovrebbe dar noia. Per di più, non si tratta di bevande diverse, è la stessa bevanda ottenuta da uve diverse (non è neppure
necessario visto che in teoria si può vinificare in bianco anche uve a bacca nera) e con processi di vinificazione diversa. Stop.

Semmai è buona norma seguire un ordine gerarchico, prima si bevono i vini bianchi, bollicine in testa, e poi si passa ai rosati e ai rossi sempre più strutturati e di annate sempre più vecchie. Questa è la regola. Nient'altro. Al massimo si può dare un'occhiata ai gradi alcolici, cercando di non "calare mai". Stop. Semplice.

Personalmente, trovo che un pranzo perfetto part…

Il più grande torto che si può fare ad un appassionato di vini

Immagine
Chiaretto della Mosella del 76, coltivato a riva gauche




Qual è il più grande torto che si può fare ad un appassionato di vini?

No, non sto parlando di stappare la bottiglia di vino togliendo la capsula come se si stesse togliendo il calzino al piede di tua figlia che non vuole.

Non sto parlando neppure del fatto che venga stappato con il cavatappi classico dopo aver inciso la capsula con un coltellaccio e poi, dopo aver rotto il tappo, lo si butti dentro la bottiglia con cacciavite e martello.

Non sto neppure parlando del caso in cui lo si stappi facendo un botto enorme e con plateale soddisfazione dopo aver fatto roteare la bottiglia anziché il cavatappi stile giropizza.

Non sto neppure parlando del caso in cui la suddetta bottiglia col pezzo di sughero galleggiante al suo interno venga presa per il collo rovesciandone il contenuto come farebbe il peggior alcolizzato di Düsseldorf, nella renania settentrionale.

Non sto neppure parlando del caso in cui il tuo commensale cui mostri la…